Pericolo Smatphone

Pier Paolo Frigotto è un giovane dirigente scolastico, famoso per aver trasformato l’istituto comprensivo dove lavora in un vero e proprio polo culturale, per aver vinto concorsi creativi con i suoi ragazzi. Ha pubblicato diversi volumi, come gli albi illustrati “Il mio braccio sopra il tuo” ed il più recente “Nel grembo del mare”, commovente storia di una madre migrante. Ha ideato e curato progetti di scrittura creativa e collettiva come “Un emoji per amico” e “Le straordinarie avventure di un costosissimo paio di scarpe”. Laureato in Lettere e in Giurisprudenza, per anni insegnante di materie letterarie e latino ci offre con questo libro, dal titolo inequivocabile, una panoramica sui pericoli e le insidie del mondo degli smartphone sempre connessi. Una tecnologia che non va demonizzata, ma conosciuta.

Perché leggerlo?

Pericolo Smartphone è una sorta di manuale diviso per argomenti che spiega, soprattutto ai genitori, insegnanti ed adulti non aggiornati, quali sono le applicazioni più utilizzate dai giovanissimi e quali pericoli comportano se non opportunamente monitorate. Pericoli, questi, a cui a volte anche i più grandi sono ormai sottoposti. La differenza sta nel fatto che gli adulti hanno (o dovrebbero avere) un senso critico ed una maturità responsabile, mentre i più giovani sono in parte indifesi e possono facilmente cadere vittima di forme di violenza o sopruso più o meno esplicite.

Dovresti leggere Pericolo Smartphone per informarti, per proteggerti e per proteggere i giovani, ovvero la fascia di età più a rischio.

Che cosa contiene?

Il testo è diviso in 29 capitoli, ciascuno dei quali tratta un argomento specifico, come ad esempio i social, le fake news, lo streaming, il cybersex, il grooming, la pornografia, il deep web, il gioco d’azzardo online…Queste nuove reali virtualità vengono descritte con grande precisione, senza necessariamente demonizzare, ma attraverso uno sguardo attento,  che lascia spazio nel finale anche alla prevenzione e all’intervento: cosa può fare la scuola? Cosa possono fare i genitori? Cosa sta facendo la legislatura?

Citazioni

“La sfida è aiutare i ragazzi a distinguere ciò che è necessario da quello che non lo è, a sviluppare una capacità critica utile per discernere il vero dal falso. Essi hanno bisogno di essere ascoltati e di potersi esprimere, di incontrarsi e di intessere relazioni per poter trovare la loro identità. Ma non si può delegare queste esigenze evolutive alla rete a cui si accede semplicemente con uno smartphone”

“Mi sono reso conto che solo una scuola che prende seriamente in considerazione le opportunità ma anche i rischi di una connessione continua può offrire un insegnamento adeguato con i media e sui media. Aiutando gli adolescenti a utilizzare la tecnologia e gli smartphone in modo consapevole, creativo e sicuro, li prepara alla società di domani”

 

Informazioni dettagliate